sabato, Maggio 28, 2022
HomeSanitàFibrillazione atriale, impiantato al Mazzoni rivoluzionario monitor cardiaco

Fibrillazione atriale, impiantato al Mazzoni rivoluzionario monitor cardiaco

Martedì 8 febbraio 2022, presso la UOC di Cardiologia di Ascoli Piceno diretta dal Dr. Pierfrancesco Grossi, per la prima volta nella regione Marche, è stato impiantato un nuovo rivoluzionario monitor cardiaco miniaturizzato per la registrazione continua dell’elettrocardiogramma che viene utilizzato nei pazienti con sincopi ricorrenti e nella ricerca della fibrillazione atriale negli ictus da causa non definita.

“Il loop recorder impiantabile di nuova generazionedenominato LINQ II rappresenta un grande passo avanti nel futuro della cura del paziente, – spiega il dottor Procolo Marchese responsabile della UOS Elettrofisiopatologia ASUR-AV5. Come il precedente che si usa da tempo, è piccolissimo (delle dimensioni di un tappo di una penna) ed iniettabile sotto pelle in pochi minuti senza necessità di ricovero ospedaliero. Il nuovo sistema tuttavia dura di più (fino a 4,5 anni) ed è il primo dispositivo cardiologico impiantabile ad essere programmabile in remoto, riducendo la necessità per i pazienti di recarsi nello studio medico per regolarne le impostazioni. I dati raccolti dal dispositivo sono processati con moderni algoritmi che miglioranonotevolmente l’accuratezza diagnostica. Altra novità significativa è l’invio dei dati registrati dal dispositivo al centro di riferimento, che avviene tramite unapplicazione dedicata, presente nel telefono del paziente, il quale diventa parte attiva e si sente partecipe del monitoraggio. Essere coinvolti nella gestione del proprio dispositivo cardiaco utilizzando il proprio telefonino, gli permette di sentirsi più sicuro durante la vita quotidiana e lo rende più coinvolto nella gestione della propria patologia e delle proprie cure. In questo particolare periodo storico pandemico è stato deciso di accelerare il progetto di telemedicina per controllare i pazienti senza farli muovere dalla propria abitazione. Il Centro Sincope,negli ultimi 18 mesi, grazie al monitoraggio remoto ECG, ha intercettato oltre 100 eventi che hanno concesso di prevenire nel 60% dei casi l’ictus cardioembolico potenziale e nel 40% una seria problematica aritmologica, tra cui la potenziale morte cardiaca improvvisa. Al momento sono controllati quasi 1000 pazienti portatori dispositivi impiantabili (loop-recorder, pacemaker, defibrillatori) in monitoraggio remoto e si prevede di incrementare significativamente tale quota ed il relativo assetto organizzativo e tecnologico.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'