Home Senza categoria Monsampietro Morico, Il Club 41 Ascoli dona un biliardino alla scuola Giovanni...

Monsampietro Morico, Il Club 41 Ascoli dona un biliardino alla scuola Giovanni Paolo II

399
0
I ragazzi della scuola Giovanni Paolo II con insegnanti, genitori, il sindaco Gualtieri e soci del Club 41 Ascoli

Prosegue il viaggio dei soci del Club 41 Ascoli nei paesi terremotati del Piceno, per donare un biliardino ai ragazzi pur spaventati, ma rimasti nei propri luoghi di origine. Questa volta la ‘domenica speciale’ del Club 41 Ascoli è stata vissuta a Monsampietro Morico dove il Presidente Nerio Castellano, il vice Gianluca Lelli, il Past Presidente Corrado Alfonsi e l’ex Presidente Nazionale, Domenico Vannicola, hanno consegnato un biliardino ai ragazzi della Scuola ‘Giovanni Paolo II’.

Presenti anche il Sindaco Romina Gualtieri, l’assessore Vittorio Alessandrini e Laura Terrenzi e Daniela Giachini per il corpo docenti.  I biliardini sono stati acquistati dopo una raccolta fondi fatta dal Club 41 Trieste gemellato con quello ascolano e i soci del Piceno ora hanno l’incarico di consegnarli a chi ne ha bisogno.

A Monsampietro Morico dopo il terremoto, molte famiglie hanno comunque deciso di rimanere anche se la scuola è uno dei pochi edifici ancora agibili. I ragazzi e le insegnanti sono stati particolarmente felici di ricevere questo dono decisamente apprezzato.

“Voglio ringraziare i soci del Club 41 Italia, di Trieste e di Ascoli Piceno – ha detto il sindaco Gualtieri – per un regalo che consente ai ragazzi e a tutti i giovani che sono rimasti qui a Monsampietro Morico di divertirsi con questo gioco che allena anche all’agonismo sin dalla tenera età”.

Soddisfatto anche il presidente Nerio Castellano: “E’ una delle cose più belle che il Club 41 Ascoli sta facendo in questo periodo – ha ammesso – perché andiamo personalmente a consegnare i biliardini, li montiamo e naturalmente prima di consegnarli li proviamo perché in fondo siamo ancora bambini anche noi. Ed è bellissimo vedere la loro felicità quando diciamo che lo terranno e ci giocheranno quando lo vorranno”.