Home Cronaca San Benedetto, Marinai in Libia: Il Sindaco Piunti scrive al Governo dopo...

San Benedetto, Marinai in Libia: Il Sindaco Piunti scrive al Governo dopo la mozione del consigliere Emidio Del Zompo

331
0
Il consigliere Emidio Del Zompo (Lega)

Nella giornata di ieri 17 novembre, il Sindaco di San Benedetto del Tronto Pasqualino Piunti, per il tramite della sua Segreteria, ha inviato una lettera alla Farnesina, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, indirizzata al Ministro Luigi Di Maio.

Lettera riguardante la Mozione proposta dal Consigliere Comunale Emidio Del Zompo, avente ad Oggetto:

” Azioni del Comune volte a sensibilizzare il Governo per il rilascio di diciotto marinai Italiani rapiti e sequestrati in Libia il 01.09.2020″ .

Il Sindaco Pasqualino Piunti

Con tale iniziativa, accettata all’unanimità dei Consiglieri presenti, era stato impegnato il Sindaco ed il Consiglio Comunale ad esprimere piena solidarietà alle famiglie dei pescatori e a condannare ufficialmente e pubblicamente questa incresciosa vicenda sollecitando un intervento del Governo e delle Istituzioni nazionali per ottenere quanto prima il rilascio dei marinai.

” Esprimo tutta la mia felicità e soddisfazione nell’aver appreso che il Sindaco Piunti, che ringrazio, ha inviato una lettera alla Farnesina al Ministro Luigi Di Maio, dando seguito alla mia Mozione presentata nell’ultimo Consiglio Comunale ed accettata all’unanimità da tutti I Consiglieri.

Questa lettera è il giusto riconoscimento al lavoro e all’azione che la Lega svolge sia sui territori locali sia su quelli nazionali, dimostrando sempre il buonsenso nella ricerca della soluzione delle varie problematiche, azioni mirate e determinate.

Confidiamo tutti in una azione del Governo, la più rapida possibile,  per riportare in Italia tutti i pescatori sequestrati e restituirli alle loro famiglie che stanno manifestando in un      Sit in permanente di fronte a Montecitorio con tende da campo e sacchi a pelo, soffrendo e in ansia affinchè vengano liberati i loro famigliari.”