Home Politica Mastrovincenzo (PD):”Assunzione infermieri un bluff, la Giunta sia chiara sui dati Covid

Mastrovincenzo (PD):”Assunzione infermieri un bluff, la Giunta sia chiara sui dati Covid

232
0
Personale sanitario allÕinterno del reparto di Terapia intensiva Covid19 per i pazienti infetti da Coronavirus del Policlinico Militare Celio di Roma, spoke dellÕospedale Spallanzani nellÕambito della rete Covid. Roma 1 aprile 2020. ANSA/CLAUDIO PERI

Antonio Mastrovincenzo, consigliere regionale del Partito Democratico, segnala una situazione poco chiara sui dati di terapia intensiva nelle Marche e denuncia come bluff l’assunzione degli infermieri, annunciata dall’assessore Saltamartini.

“Mentre torna a salire la percentuale dei contagiati da covid19 nella nostra regione, oggi anche il Tgr delle Marche ha messo in evidenza come l’annuncio dell’assessore alla Sanità rispetto all’assunzione di 3.000 infermieri (attingendo, con contratti a tempo determinato, da una graduatoria di un bando di concorso ASUR non ancora terminato) era un clamoroso bluff. “

“Da giorni lo avevo denunciato, così come avevano fatto associazioni e sindacati. Ora anche la Direttrice Asur ha ammesso che le adesioni a ricoprire incarichi a tempo determinato da parte di quegli infermieri, “sono molto ridotte”.”

”La Giunta continua a dare “numeri” senza alcun fondamento. Quel che è più grave che numeri sbagliati sono stati illustrati in Consiglio regionale anche sui posti letto di terapia intensiva, passati magicamente e senza alcuna spiegazione da 126 a 164 in soli 5 giorni. E poi ci sono i numeri delle persone ricoverate, da cui sono state improvvisamente scomputate quelle in osservazione al pronto soccorso, guarda caso subito dopo la collocazione della nostra regione in zona arancione. E dopo aver contestato questa severa (a suo dire) scelta del Governo, ora il Presidente Acquaroli si prepara a firmare un’ordinanza più restrittiva, segno che le cose, purtroppo, non vanno affatto bene. È tempo di responsabilità e serietà: questa amministrazione ormai non ha più alibi.”