Rapina mano armata con bottino da oltre 300 mila euro: arrestati tutti

Dopo mesi e mesi d’indagine alla fine sono stati individuati e fermati tutti dal basista a ogni componente della banda

La chiamavano la banda delle banche. Riuscivano a entrare, prendere i soldi e scappare. L’hanno fatto per parecchio tempo, come a in una banca di Camerano nel settembre del 2022, ma anche in altre zone e soprattutto in altri istituti bancari. Spaziavano tra le Marche, Molise e l’Umbria. Ma i poliziotti e anche i carabinieri non si sono dati per vinti e per mesi non hanno mai smesso d’indagare e alla fine sono riusciti ad arrivare a tutti i componenti della banda criminale. Uno a uno, individuati e arrestati.

La paura
Una rapina mano armata in una banca (Facebook ascolicityrumors.it)

 

Uno dei primi che è stato arrestato è uno dei responsabili che le forze dell’ordine ritengono sia il basista. E’ uno della banda criminale, un uomo di 53 anni che vive e risiede Orte, ma che in questo momento di trova in un carcere a Viterbo. Secondo quanto si apprende dai carabinieri, è uno dei responsabili delle quattro rapine di cui si sono occupate le forze dell’ordine in questi mesi. E da lui si è risaliti in qualche modo anche agli altri partecipanti.

Entravano a volto coperto e prendevano tutto: bottino totale di circa 300.000 euro

La rapina
Una pattuglia della polizia mentre controlla (Ansa Ascolicityrumors.it)

 

Da come vengono riportati i fatti sembra quasi di assistere a un film, almeno nei racconti che vengono fatti su questi rapinatori che qualche problema in Umbria, Marche e Molise l’hanno creato eccome. A Camerano, ad esempio, due persone entrarono a volto coperto con il passamontagna, armati e si fecero dare quasi 140.000 euro direttamente da un dipendente terrorizzato visto che aveva le armi puntate contro.

Ce ne un’altra in un istituto di credito ad Acquasparta, in provincia di Terni nel gennaio del 2023, ma questa non andò a buon fine perché i carabinieri arrivarono in tempo e i rapinatori riuscirono a scappare, ma il modus operando era lo stesso anche se in quella circostanza entrarono effettuando un buco nella parete perimetrale. Le altre rapine di cui dovranno rispondere a Grottammare nell’ottobre 2022  e San Benedetto del Tronto a novembre, sempre del 2022. Anche in questa situazione riuscirono a portare via oltre 145.000 euro, dileguandosi in pochissimo temo. Ma ora sono state fermati.

Impostazioni privacy