sabato, Maggio 28, 2022
HomeCultura & Spettacolo Ascoli Piceno e ProvinciaSan Benedetto, “Con il FAI tra Borghi e Calanchi”: i giovani del...

San Benedetto, “Con il FAI tra Borghi e Calanchi”: i giovani del FAI riscoprono a piedi il territorio Piceno

Riscoprire la bellezza del paesaggio Piceno e il suo stretto rapporto con i borghi che ne punteggiano le colline. È questo l’obiettivo dell’iniziativa “Con il FAI tra Borghi e Calanchi”, promossa dal Gruppo FAI Giovani di San Benedetto del Tronto: una serie di 4 passeggiate che, a partire dal primo appuntamento in programma domenica 10 aprile ad Appignano del Tronto, permetteranno di percorrere a piedi itinerari nella storia dei borghi piceni e nelle campagne circostanti, seguendo il filo conduttore dei calanchi, fenomeno geologico di grande fascino che accomuna quest’area. Gli appuntamenti successivi sono previsti per domenica 1° maggio a Ripatransone, domenica 29 maggio a Offida e domenica 12 giugno a Castignano.

Ciascun appuntamento prevede un itinerario della durata di circa tre ore, a partire dalle ore 9.30, nel quale si percorreranno a piedi le vie dei borghi, con visite guidate alle eccellenze storico-artistiche e culturali, alcune delle quali aperte appositamente per l’occasione e normalmente non visitabili. Non mancherà un passaggio nelle campagne fuori dal borgo, o un affaccio panoramico dal quale sarà possibile osservare i calanchi e lo stretto rapporto tra il borgo e il territorio circostante. A concludere ciascun appuntamento, una degustazione o un aperitivo a base di prodotti enogastronomici del territorio. Verrà offerta, dunque, un’esperienza completa di ciascun borgo, tra cultura, arte, paesaggio, natura e gusto.

Il progetto è ispirato al cosiddetto “Crinale dei Piceni”, l’itinerario che partendo da San Benedetto del Tronto risale le colline che fanno da spartiacque tra la valle del Tesino e quella del Tronto, seguendo la “Strada del Rosso Piceno Superiore”, e si inserisce nella ritrovata attenzione al paesaggio emersa nel XXVI Convegno Nazionale del FAI, nel quale il Presidente Marco Magnifico ha ricordato che «i paesaggi italiani sono un capolavoro, un’opera d’arte che non è certo da musealizzare e che evolve. Ma per poterla proteggere bisogna capirne il valore». Di fronte all’emergere di una pericolosa opposizione tra l’urgenza di infrastrutture per lo sviluppo sostenibile e il dovere della tutela, il FAI vuole infatti ribadire il suo impegno per il paesaggio, che in Italia specialmente è un’opera d’arte collettiva, frutto del lavoro di generazioni che lo hanno modellato, e anche trasformato, e perciò testimonianza preziosa della nostra storia e della nostra cultura. Per non rischiare di compromettere questo patrimonio è necessario educare al paesaggio, a partire dai giovani e dalle amministrazioni, perché il paesaggio è materia culturale ed è il prodotto di una visione culturale.

Da qui l’idea del gruppo FAI Giovani San Benedetto del Tronto: riscoprire il rapporto fecondo dei borghi del Piceno con il paesaggio circostante, portando giovani e famiglie a percorrere quelle strade e a visitare quei luoghi che ne hanno segnato la storia. L’idea è stata subito raccolta e rilanciata dalla Presidenza regionale del FAI Marche, guidata da Alessandra Stipa, e ha trovato l’adesione e la collaborazione fattiva dei comuni di Appignano del Tronto, Ripatransone, Offida e Castignano, oltre al patrocinio della Provincia di Ascoli Piceno e al supporto di realtà locali come Vinea, Picenopen, Cantine di Castignano, Pro Loco Castignano e Anice Verde di Castignano. Una collaborazione tra istituzioni pubbliche e private, partita dall’idea di gruppo di giovani, di buon auspicio per il futuro del territorio Piceno.

Per ogni passeggiata è previsto un contributo di 5 € per gli iscritti FAI e di 8 € per i non iscritti, ed è necessaria la prenotazione sul sito https://faiprenotazioni.fondoambiente.it fino a esaurimento posti. Per informazioni scrivere a sanbenedettodeltronto@faigiovani.fondoambiente.it o chiamare il numero 347 5006575 dopo le ore 18.00.

 

DICHIARAZIONI

FAI MARCHE
Alessandra Stipa – Presidente regionale

Il Gruppo FAI Giovani San Benedetto del Tronto, dopo aver aperto con notevole successo il Mulino di Sisto V a Montalto nelle ultime Giornate FAI di Primavera, ha ideato un progetto articolato su aperture domenicali di quattro borghi piceni, che intende diffondere la conoscenza degli stessi a chi vorrà partecipare, siano abitanti del paese che estranei ad esso.
Abbiamo iniziato a raccontare luoghi trent’anni fa con le prime Giornate FAI del 1993. Tanti ci hanno seguito negli ultimi anni: dalle banche alle dimore storiche di tutta Italia, perfino il Ministero della Cultura fa oggi la Giornata dei Musei. Siamo felici di questo e del fatto che i nostri Giovani FAI si dedichino ad applicare questo format anche ai piccoli, piccolissimi paesi del nostro Piceno. Tutti sono invitati, ma soprattutto gli abitanti dei paesi prescelti sono i benvenuti affinché possano appropriarsi della storia del loro borgo nella considerazione che esso riflette nelle sue chiese, nelle sue viuzze, nelle sue case le vicende economiche, sociali e religiose delle comunità che l’hanno abitato e delle quali ancora oggi essi recano l’impronta e l’eredità.

 

FAI GIOVANI SAN BENEDETTO DEL TRONTO
Ilario Di Luca – Capogruppo

 

Il Gruppo FAI Giovani San Benedetto del Tronto è nato nel 2019 grazie a un’intuizione della Capogruppo FAI San Benedetto del Tronto Lilli Gabrielli, mettendo insieme alcuni giovani che da tempo svolgevano in modo costante l’attività di volontariato nel FAI. Gli obiettivi dal lavoro da intraprendere sono stati da subito chiari: l’educazione, la tutela, la sensibilizzazione e l’amore per il territorio, che devono partire proprio dai giovani. Per svolgere queste attività abbiamo fin dall’inizio scelto una linea di inclusività di tutto il territorio Piceno e di riscoperta dello stretto rapporto tra la costa picena e le sue aree interne, organizzando iniziative anche ad Arquata del Tronto. Il nostro percorso di valorizzazione non si ferma e oggi siamo qui a presentare il primo progetto del 2022, “Con il FAI tra Borghi e Calanchi – A piedi con il FAI Giovani alla scoperta del territorio Piceno”, che vuole continuare su questo solco.

 

 

PROVINCIA ASCOLI PICENO
Sergio Loggi – Presidente

 

Dalla costa alla montagna il Piceno offre paesaggi di straordinaria suggestione e testimonianze di grande valenza della nostra storia e cultura. In questa prospettiva, l’iniziativa del Gruppo FAI Giovani San Benedetto del Tronto rappresenta un’occasione importante ed originale per scoprire da vicino le bellezze della nostra terra, puntando l’attenzione sul percorso naturalistico dei Calanchi e i comprensori che li circondano. La Provincia, con grande convinzione e apprezzamento, ha dato dunque il suo patrocinio a questa attività. Ringrazio i giovani del FAI, animati dall’impegno lodevole di far conoscere nella maniera più ampia possibile le nostre bellezze. La Provincia, nell’ambito delle sue competenze, vuole fare la sua parte per essere vicina ai Comuni, alle associazioni e alla cittadinanza nell’opera di valorizzazione i nostri borghi, paesaggi ed eccellenze enogastronomiche come leva per lo sviluppo locale e per la crescita sociale, culturale ed umana.

 

COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO
Sara Moreschini – Sindaco

Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta del Gruppo FAI Giovani San Benedetto del Tronto, al fine di promuovere il capitale paesaggistico di cui è ricco il nostro territorio. Da alcuni anni, grazie anche al progetto Ruritage del programma Horizon2020 delle Commissione Europea, abbiamo iniziato a lavorare al “Cammino dei calanchi grigio-azzurri”, un percorso mozzafiato a cavallo del torrente Chifenti che spazia fra dolci colline coltivate dalla grande tradizione rurale locale e aridi calanchi che cambiano di forma e colore con il passare delle stagioni; paesaggi completamente diversi da un lato e dall’altro dell’asta fluviale. Questo cammino, che consta di diversi percorsi, sarà dotato nei prossimi mesi anche di segnaletica turistica in modo che tutti ne potranno fruire a piedi e/o con le bike.

 

COMUNE DI RIPATRANSONE
Stefano Fraticelli – Consigliere comunale delegato al Turismo

La Città di Ripatransone è orgogliosa di collaborare con il FAI, tra le più prestigiose istituzioni culturali del nostro Paese. Da alcuni mesi abbiamo avviato una proficua interlocuzione con il gruppo FAI Giovani San Benedetto del Tronto, attraverso la quale abbiamo espresso la volontà di instradare iniziative volte alla valorizzazione del nostro importante patrimonio culturale ed ambientale. Siamo pertanto davvero soddisfatti di essere al centro di un progetto mirato alla promozione delle eccellenze del territorio in cui emerge una significativa e lungimirante cooperazione tra comuni. La passeggiata del 1° Maggio sarà l’occasione per immergersi nella bellezza del Centro Storico di Ripatransone e del contesto paesaggistico e naturalistico che lo circonda, con lo sguardo rivolto verso lo straordinario panorama che vale alla Città l’appellativo di “Belvedere del Piceno”.

 

COMUNE DI OFFIDA
Cristina Capriotti – Assessore al Turismo

Il Borgo di Offida è lieto di tornare a collaborare con il FAI e di prendere parte ad una progettualità, in rete, con i Comuni limitrofi, che mira a cogliere e valorizzare le bellezze e specificità di ogni Borgo. Ciascuna delle realtà coinvolte dispone di ricchezze monumentali perfettamente inserite ed integrate nel paesaggio ospitante che ne ha suggestionato i profili, gli interessi e le caratteristiche più autentiche. Sarà l’occasione per assaporare, attraverso una passeggiata culturale a tutto tondo alcune di esse. Ringraziamo il Gruppo FAI Giovani San Benedetto del Tronto per l’impegno profuso nella valorizzazione delle ricchezze paesaggistico culturali del territorio Piceno.

 

COMUNE DI CASTIGNANO
Francesco Tomassini – Assessore alla Cultura

Castignano è entusiasta di accogliere il giorno 12 Giugno 2022 il Gruppo FAI Giovani San Benedetto del Tronto e tutti quanti vorranno ammirare i suoi incantevoli scorci, le sue bellezze architettoniche e le testimonianze di una storia che affonda le sue radici nella notte dei tempi.

Grati al FAI che consente di conoscere l’inestimabile patrimonio culturale dei nostri territori, offriremo anche lo spunto di apprezzare alcune delle nostre tipicità artigianali ed enogastronomiche: l’Anice Verde di Castignano, presidio “Slow Food”, noto per essere l’ingrediente chiave dell’Anisetta Meletti e presente tra le coltivazioni più tipiche fin dal XV secolo, e i pregiati e pluripremiati vini delle Cantine di Castignano, fiore all’occhiello delle nostre tradizioni, notissimi ormai anche all’estero.

Per informazioni e domande:

cell. 347 5006575 (dopo le ore 18.00)

email: sanbenedettodeltronto@faigiovani.fondoambiente.it

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'