ISEE: attenzione alla compilazione del modulo mb1, ecco come deve essere fatta per non avere problemi

State attenti a come compilate il modulo mb1 per l’ISEE, va fatto tutto in questo modo per non avere problemi col Fisco.

Ci sono diverse normative che vanno sempre rispettate dal punto di vista economico in Italia. Il governo infatti ha alcuni organi che hanno il compito di verificare il corretto inserimento di ogni informazione da parte dei cittadini. Per poter così calcolare le tasse previste e non solo.

Il modulo mb1 per l'ISEE va compilato in questo modo
Ecco compilare correttamente il modulo mb1 per l’ISEE (foto Web365 Srl) Ascoli.cityrumors.it

Pensate per esempio all’ISEE, un dato fondamentale per poter sapere il reddito di un nucleo familiare. Qualora sia sotto una certa soglia, questo diventa utilissimo anche per i cittadini stessi. Che hanno diritto ad accedere ad alcuni bonus ed incentivi importanti. Per fare la certificazione, bisogna compilare un modulo specifico. Se vi ritrovate a dover inserire i dati del modulo mb1, dovete stare attenti a questa cosa. Solo in questo modo non avrete problemi con il Fisco.

Come compilare il modulo mb1 per l’ISEE: questo è il modo giusto

Per la compilazione della DSU, bisogna fare molta attenzione a quello che è il modulo mb1. Solo così sarete certi di non sbagliare nulla e di avere tutto inserito nella maniera corretta. In particolare, se avete una casa di abitazione del nucleo familiare che è di proprietà in parte e in comodato gratuito dall’altra con atto registrato, dovete spuntare una sola casella per fare riferimento alla situazione dell’immobile.

Il modulo mb1 per l'ISEE deve avere sempre queste indicazioni
Per compilare il modulo mb1 per l’ISEE, non fate questo errore (foto Unsplash.com) Ascoli.cityrumors.it

Vi ritroverete infatti a due differenti scelte, ossia di proprietà (o altro diritto reale di godimento come usufrutto ecc..) oppure altro (es. comodato gratuito). In questo caso, se non ci sono indicazioni all’interno delle istruzioni ISEE e delle relative Faq, allora nel modulo mb1 quadro B della DSU si deve indicare che si tratta di un immobile di proprietà.

Sarà poi all’interno del modulo Fc1 quadro Fc2 “Patrimonio Immobiliare” che si dovrà inserire la quota posseduta e quella che invece è in comodato gratuito. Il valore è importante ai fini IMU, ma solo indicato per la quota di spettanza. All’interno del patrimonio immobiliare sono infatti compresi i diritti reali di godimento posseduti su beni immobili. Va invece esclusa la c. d. “nuda proprietà”. Oltre ai diritti personali di godimento come il comodato d’uso gratuito. Fate in questo modo e sarete certi di non avere mai alcun tipo di problema col Fisco, in quanto ogni informazione sarà stata inserita nella maniera corretta.

Impostazioni privacy