Colori in tavola, se scegli questi migliora la tua salute: ingredienti e benefici in base alla “nuance”

Portare l’arcobaleno a tavola: questo il consiglio degli esperti. Mangiare seguendo il colore degli alimenti apporta tantissimi benefici. 

Mangiare cibi colorati fa bene non solo all’umore ma soprattutto fa bene alla nostra salute. Vediamo quali “colori” dovremmo mangiare più spesso.

Dieta a colori
La dieta deve essere varia e colorata/ Ascoli.cityrumors.it

Il filosofo tedesco Feuerbach lo diceva già tanti anni fa: noi siamo quello che mangiamo. Va da sé, quindi, che per essere persone sane e in forma è fondamentale mangiare certi cibi piuttosto che certi altri. In particolare sarebbe bene evitare – o limitare il più possibile- gli zuccheri raffinati, i dolci e il junk food come gli snack delle macchinette o le merendine del supermercato.

Meglio privilegiare alimenti semplici e integrali. In particolare ci sono cibi che dovremmo mangiare ogni giorno, più volte al giorno: si tratta della frutta e della verdura. Frutta e verdura sono una miniera preziosa di vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti che apportano tantissimi benefici alla salute del corpo e del cervello. In particolare dovremmo mangiare spesso gli ortaggi di tre colori.

Alimentazione: ecco i tre colori da “mangiare” spesso

Frutta e verdura non devono mai mancare nella nostra dieta e in quella dei nostri figli. In particolare dovremmo mangiare molto spesso gli ortaggi di tre colori specifici.

L’alimentazione per essere sana deve anche essere il più possibile varia. Questo perché ogni cibo ha proprietà nutrizionali specifiche. Pertanto è opportuno variare e non mangiare sempre le solite due o tre cose solo perché siamo pigre e non vogliamo sperimentare nuovi sapori. Soprattutto quando si tratta di frutta e verdura è fondamentale variare. Sulle nostre tavole sono tre i colori che non devono mai mancare.

Quali colori mangiare
In tavola non devono mai mancare 3 colori/ Ascoli.cityrumors.it

Il primo colore fondamentale per la salute è il rosso: rosso come il sangue, rosso come la passione, rosso come pomodori, peperoni, fragole. Gli ortaggi di colore rosso sono ricchissimi di vitamina C e contengono anche molto licopene, una sostanza antiossidante che può aiutarci a prevenire l’insorgenza dei tumori. Pertanto sì all’insalata greca o all’insalata caprese in estate, alla peperonata e al sugo fatto con i pomodori freschi.

Il secondo colore da “mangiare” spesso è il viola che, oltre a non portare sfortuna, fa anche molto bene al nostro cervello. Ortaggi come melanzane, cavolo viola, uva viola, more, mirtilli, prugne e susine contengono tanti antociani,  molecole che migliorano la memoria e le funzioni cerebrali e possono aiutare a prevenire patologie gravi come l’Alzheimer.

Infine il terzo colore che non deve mai mancare nella nostra dieta è il bianco. Aglio e cipolla sono due ortaggi spesso snobbati ma contengono l’allicina, una molecola che aiuta moltissimo a rinforzare le nostre difese immunitarie. Certo mangiarli crudi può non essere piacevole ma possono essere inseriti in zuppe o torte salate oppure tagliati a fette sottilissime e aggiunti all’insalata.

Impostazioni privacy