De Rossi ha già cambiato la Roma, nuovo record che commuove i tifosi: non succedeva da 16 anni

L’avventura di De Rossi alla guida della squadra capitolina si arricchisce di un record: si tratta di qualcosa che non accadeva da 16 anni.

L’arrivo di Daniele De Rossi in panchina ha dato un’altra piega a una stagione ad alto rischio di involuzione. La società ha avuto una felice intuizione: quella di affidare le redini della squadra a una vecchia gloria romanista. E l’allenatore, cuore giallorosso e simbolo di una romanità profonda, non ha deluso le attese.

Nuovo record di De Rossi con la Roma dopo 16 anni
De Rossi ha già preso in mano la Roma (Foto Ansa) – ascoli.cityrumors.it

Il cambio tra Mourinho e l’ex centrocampista della Nazionale ha portato un nuovo slancio alla Roma. I ragazzi di De Rossi, è vero, non sono riusciti a completare la rincorsa alla Champions, ma hanno comunque nobilitato un’annata che rischiava di essere deludente e in Coppa Uefa hanno sfiorato la clamorosa remuntada col favoritissimo Bayer Leverkusen.

Insomma, tutto lascia pensare che il club capitolino abbia trovato in casa l’allenatore del futuro, che nel frattempo ha lasciato il suo segno cambiando la Roma. Il nuovo corso di De Rossi, finora, ha già prodotto un record. Quello che è successo non accadeva da ben 16 anni e ha toccato i cuori dei tifosi.

De Rossi, è la prima volta dopo 16 anni: svolta per la Roma

Dà speranza la pattuglia di giallorossi che Mister Spalletti – vecchia conoscenza dei romanisti – ha deciso di portare con sé a Germania 2024. Tra i 26 calciatori che vestiranno la maglia azzurra durante gli Europei tedeschi, ci sono ben 4 giocatori della Roma: Gianluca Mancini, Bryan Cristante, Lorenzo Pellegrini e Stephan El Shaarawy.

Il nuovo record di De Rossi con la Roma commuove i tifosi
Il feeling speciale di De Rossi con la squadra ha prodotto 4 convocazioni in Nazionale (Foto Ansa) – ascoli.cityrumors.it

Non succedeva da 16 anni di trovare così tanti tesserati romanisti in Nazionale. Bisogna risalire al 2008, quando l’allora tecnico Roberto Donadoni convocò Christian Panucci, Alberto Aquilani, Simone Perrotta e, guarda caso, Daniele De Rossi per difendere i colori dell’Italia all’Europeo in Austria e Svizzera. L’avventura, per l’Italia, si concluse nei quarti con l’eliminazione per mano della Spagna.

Per Mancini sarà la prima competizione con la Nazionale, mentre per El Shaarawy si tratta di un gradito ritorno dopo la partecipazione a Euro 2016. Capitan Pellegrini, invece, potrebbe prendersi una bella rivincita nei confronti dell’infortunio che gli fece saltare la passata edizione. Cristante, infine, sarà l’unico campione d’Europa in carica.

Il viaggio dell’Italia verso l’Europeo tedesco, dunque, è colorato anche di giallorosso. In attesa dell’esordio nel girone con Spagna, Croazia e Albania, l’Italia ha battuto la Bosnia ed Erzegovina uno a zero grazie alla rete messa a segno dal nerazzurro Frattesi. Appuntamento quindi al 15 giugno, quando gli Azzurri sfideranno l’Albania a Dortmund. 

Impostazioni privacy