Provano a raggirarla, ma lei è più furbo e li fa arrestare

Alcuni malviventi hanno tentato di far abboccare una signora anziana alla classica truffa dell’incidente causato dal figlio, ma è stata più brava

La classica truffa che fa stare male tante persone anziane perché tante ci cascano e poi soffrono perché i malviventi si prendono i soldi. E così questa gente se ne approfitta andando a truffare persone mettendo in mezzo i loro cari e puntando sull’affetto e sulla preoccupazione. “Signora, suo figlio ha investito con l’auto una donna. Se vuole aiutarlo, deve pagare“, dice una voce al telefono che non è per niente rassicurante. Così è cominciata la telefonata, così comincia sempre. Nel modo più classico con i malfattori che cercano sempre di aggirare le loro vittime più fragili, ossia gli anziani. Ma per fortuna non riesce sempre.

Il tentativo
Un tentativo di truffa al telefono (Facebook ascolicityrumors.it)

 

La signora però non ci è cascata anzi ha avuto il coraggio di rispondere a tono a chi aveva suonato al campanello di casa. Già perché qualcuno si è presentato all’abitazione della signora di 70 anni, pare fosse il presunto avvocato della donna che era stata investita, ma la donna non è andata oltre anzi ha chiuso subito ogni rapporto e ha salutato. “Io non mi impiccio, potete direttamente chiamare mio figlio“, liquidati così in pochissimo tempo .

Un tentativo andato a vuoto e ora i carabinieri sono a caccia dei balordi

Il raggiro
Un agente della polizia postale al lavoro (Facebook ascolicityrumors.it)

 

Tentativo che era iniziato con una chiamata al cellulare del figlio dell’anziana: «Deve venire in caserma, in via Piave, a ritirare dei documenti importanti» avrebbero detto al 40enne i finti carabinieri, intimandogli di non riattaccare il telefono durante il tragitto.

Un trucchetto per poter, nel frattempo, andare indisturbati a casa della madre. Al citofono si è presentato un finto avvocato. Ma per fortuna l’anziana non ha abboccato e ha mandato in fumo l’ennesimo tentativo di truffa perpetrato dai millantatori.

Impostazioni privacy