Assegno di Inclusione, finalmente parla l’INPS: cosa succede a chi non ha ancora ricevuto risposte

L’INPS, dopo le varie polemiche sui mancati pagamenti dell’Assegno di Inclusione, ha rassicurato i beneficiari circa l’esito delle pratiche.

Il sussidio che ha preso il posto del reddito di cittadinanza non sta fruttando i risultati sperati, quantomeno nelle famiglie che sono in difficoltà economica.

quando arriva assegno di inclusione
L’INPS ha comunicato quando arriveranno i pagamenti dell’ADI (Foto WEB 365 Srl) Ascoli.cityrumors.it

Il Governo plaude l’iniziativa, ma in realtà l’Assegno di Inclusione ha generato ancora più poveri rispetto a prima, perché le regole di accesso sono troppo rigide, e inoltre si sono verificati anche disguidi tecnici che hanno mandato nel panico tantissimi percettori.

Cosa è successo all’INPS e quando arriveranno i pagamenti dell’Assegno di Inclusione

Moltissimi cittadini che avevano fatto la domanda per l’ADI già a gennaio non hanno visto partire le erogazioni, e sulla pagina Facebook dell’Istituto di previdenza sono piombate centinaia di richieste e lamentele.

inps date pagamento adi
INPS ha pubblicato un nuovo mesaggio circa i pagamenti dell’Assegno di Inclusione (Canva Foto) Ascoli.cityrumors.it

Purtroppo, oggi per accedere all’ADI i cittadini devono rispondere a severi requisiti e attivare procedure non sempre facili da comprendere. Infatti l’Assegno spetta solamente ai nuclei familiari in cui c’è:

  • un minore con disabilità;
  • oppure un componente con almeno 60 anni di età;
  • oppure la famiglia deve trovarsi in condizione di svantaggio tali da essere seguita dai servizi sociali del proprio comune.

I richiedenti, oltre a rispondere ai requisiti devono presentare domanda telematica, (anche se hanno la possibilità di rivolgersi ai patronati) e poi iscrivere i componenti del nucleo “occupabili” al portale SIISL (Sistema Informativo per l’Inclusione Sociale e Lavorativa), al quale si accede online, direttamente dal portale INPS, dopo aver presentato domanda di ADI.

Non tutti hanno la possibilità di effettuare queste azioni con facilità, e questa è una delle criticità maggiori della misura che dovrebbe essere d’aiuto alle persone con difficoltà economiche e altri gravi problemi in famiglia. Inoltre anche chi ha effettuato tutto nel modo giusto si è trovato di fronte a problemi tecnici dell’INPS, e molti non hanno ricevuto i pagamenti. Anzi, le pratiche sono rimaste ferme per molto tempo tanto da far scattare le lamentele e proteste.

Alla fine, con il messaggio n. 1816 del 13 maggio 2024, l’INPS ha fatto sapere di aver trasmesso i codici fiscali dei richiedenti ai Comuni interessati, tramite la piattaforma GePI del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali e alle ASL. Le pratiche, sempre secondo quanto afferma l’INPS, saranno evase e i primi pagamenti cominceranno ad arrivare dal giorno 15 per le prime erogazioni, e dal giorno 27 per i rinnovi.

Impostazioni privacy