Ristrutturazioni, ultimo bonus

Non arrivano buone notizie per quanto riguarda il Bonus ristrutturazioni, perché le cose presto cambieranno: ecco le novità in merito.

Negli ultimi anni, tra i vari sussidi, bonus e incentivi messi a disposizione dei cittadini da parte del governo, uno di quelli che maggiormente è finito (per un motivo o per l’altro) al centro dei dibattiti è stato il Bonus ristrutturazioni, misura centrale nel settore delle costruzioni e dell’immobiliare in Italia.

ultimo bonus per le ristrutturazioni
I dettagli assolutamente da conoscere per il Bonus ristrutturazione: i cambiamenti – ascoli.cityrumors.it

Negli ultimi anni sono stati veramente tantissimi i cittadini che, grazie a questo particolare strumento fiscale messo a disposizione dai vari esecutivi che si sono susseguiti, hanno potuto risparmiare una somma non indifferente ristrutturando contemporaneamente la propria abitazione, avendo quindi un doppio vantaggio.

Pur con diversi cambiamenti, in questi anni i proprietari degli immobili hanno quindi potuto beneficiare di una detrazione IRPEF sulla spesa sostenuta per lavori di ristrutturazione e ammodernamento della propria casa, specificati nei dettagli del bonus; nel prossimo futuro, però, le cose sono destinate a cambiare in maniera davvero significativa.

Bonus ristrutturazioni, arriva un importante cambiamento: ecco cosa succederà dai prossimi anni

Anche per quest’anno il Bonus ristrutturazioni non è stato esente da interventi di aggiornamento e modifica dell’incentivo offerto. Come ricordato dal sito investireoggi.it, infatti, il recente emendamento approvato in questi giorni durante la fase di conversione in legge del DL n. 39/2024 ha di fatto ridotto la detrazione prevista dal bonus, non regalando una buona notizia a molti cittadini.

bonus ristrutturazione cambiamento
Le novità sulla riduzione della detrazione fiscale per il Bonus ristrutturazioni: scende la percentuale messa a disposizione – ascoli.cityrumors.it

Nello specifico, a partire dal 1° gennaio 2028 (e fino al 31 dicembre 2033) la riduzione di cui si potrà beneficiare sarà solamente una detrazione del 30%, mantenendo un tetto di spesa fissato a quota 48.000 euro. Non passerà al 30% (ma resterà al 36% sul 25% dell’acquisto) la detrazione per l’acquisto di abitazioni situate in edifici completamente ristrutturati da imprese cedenti; fino al 31 dicembre 2024, invece, rimarrà in vigore la detrazione al 50% su spese fino a 96.000 euro.

Queste novità sono sicuramente sostanziali per la struttura del Bonus ristrutturazioni stesso, e vanno dunque ben analizzate da chi ha intenzione (in tempi brevi) di effettuare dei lavori nella propria abitazione; conoscendo e valutando in maniera ponderata, infatti, sarà possibile per il cittadino trovare la giusta soluzione (e quella adatta al suo caso) affinché possa alleggerire la cifra spesa, avendo così un sostanziale risparmio da tenere in tasca.

Impostazioni privacy