Sconti in bolletta per chi ha la 104: ecco tutti quelli disponibili nel 2024

Per i possessori di Legge 104 sono in arrivo nuove agevolazioni per il pagamento delle utenze domestiche. Ecco tutto quello che devi sapere.

La legge n. 104/1992, dedicata all’assistenza, all’integrazione sociale e ai diritti delle persone con invalidità, ha lo scopo di garantire il pieno rispetto della dignità umana e i diritti di libertà e di autonomia di queste ultime. Per i suoi possessori sono previste diverse agevolazioni, tra cui quella che stiamo per rivelarvi.

Sconti in bollette per chi possiede la 104: ecco come ottenerlo
Tutti gli sconti in bolletta per i possessori di 104 – ascoli.cityrumors.it

L’incentivo in questione consiste in uno sconto in bolletta per le utenze di luce e gas. Ma attenzione, non tutti possono beneficiarne. Dunque, vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere in merito.

Sconti in bolletta per i possessori di Legge 104: ecco come beneficiarne

La legge 104 del 5 febbraio 1992 non prevede direttamente agevolazioni fiscali in bolletta. Per poterle integrare, è intervenuta ARERA fornendo tutte le direttive necessarie per ottenere una riduzione su gas, luce e acqua. Per accedere al bonus bollette causa disabilità, si deve compilare l’apposita modulistica messa a disposizione dal comune di residenza o rivolgersi al CAF di riferimento. Dopo averlo fatto, dovrai presentarla al comune, il quale provvederà ad avviare la tua pratica.

I possessori di Legge 104 hanno diritto a sconti in bollette: ecco come
I possessori di Legge 104 hanno diritto a diverse agevolazioni, tra cui gli sconti per le utenze: ecco come beneficiarne – ascoli.cityrumors.it

Ti ricordiamo che non sarà necessario contattare il tuo fornitore di luce e gas per avere questo bonus, poiché sarà automaticamente inserito in bolletta una volta che la tua pratica risulterà completata. Non dimenticare di portate con te una tua recente bolletta. Inoltre, ti servirà fornire: il codice POD per la luce e quello PDR per il gas; un documento d’identità ancora in corso di validità; il codice fiscale; la potenza del tuo contatore in kW e un attestato dell’ASL che certifichi la disabilità.

Per ottenere l’incentivo, infatti, occorre dimostrare di essere un individuo con invalidità o disagio fisico riconosciuto come tale dall’ente. Oltre che di avere bisogno del supporto di apparecchiature elettroniche. Le attrezzature mediche di riferimento comprendono:

  • Macchinari di supporto alla funzione cardio-respiratoria;
  • Macchinari di supporto alla funzione renale;
  • Macchinari destinanti alla funzione alimentare e attività di somministrazione;
  • Mezzi di trasporto e ausili per il sollevamento disabili;
  • Dispositivi per la prevenzione e la terapia di piaghe da decubito.

Per quanto riguarda il bonus luce, il certificato ASL dovrà includere: la situazione di grave condizione di salute; la necessità di utilizzare apparecchiature elettromedicali per supporto vitale; il tipo di macchinario usato, nonché le ore di utilizzo giornaliero e l’indirizzo presso il quale l’apparecchiatura elettronica è installata. Per il gas, invece, è necessario appartenere ad una determinata fascia ISEE – che non superi 8.107,5 euro. La soglia è pari a 20.000 euro per nuclei familiari numerosi con più di 3 figli a carico.

Impostazioni privacy