Home Cronaca Ascoli, Roberto Maravalli è il nuovo referente provinciale della Lega Marche

Ascoli, Roberto Maravalli è il nuovo referente provinciale della Lega Marche

239
0
Riccardo Augusto Marchetti con Roberto Maravalli

ll commissario Riccardo Augusto Marchetti ha annunciato nuove nomine all’interno della Lega Marche: Roberto Maravalli sostituisce Enrico Fioroni come referente
provinciale di Ascoli Piceno, mentre quest’ultimo diventa componente del
direttivo della Lega Marche.

«Una decisione che arriva dopo mesi di lavoro fianco a fianco per iniziare a
ricostruire questa regione – ha dichiarato il commissario leghista delle
Marche Marchetti – abbiamo organizzato una squadra di donne e uomini determinati a cambiare davvero le cose.

“Roberto Maravalli è il nuovo referente della provincia di Ascoli Piceno, in
sostituzione di Enrico Fioroni,che entrerà a far parte del direttivo regionale
della Lega – ha reso noto Marchetti – due uomini che hanno dato prova di serietà
e dedizione, e che sapranno onorare l’importante ruolo che ho affidato loro.

Sono certo che la fiducia nei loro confronti sarà ripagata da un impegno costante e
fattivo a vantaggio di tutto il popolo marchigiano – ha concluso il commissario
della Lega Marche – a loro va un grande in bocca al lupo per questa nuova
avventura».

Per Roberto Maravalli, che si era speso per la candidatura in Regione di Andrea Maria Antonini si tratta di una rivincita personale dopo che l’estate scorsa era stato inspiegabilmente messo all’angolo dopo aver retto le redini del Carroccio
nella città delle Cento Torri.

Un grande grazie al nostro Commissario Regionale, onorevole Riccardo Augusto Marchetti – ha dichiarato Roberto Maravalli – per la fiducia accordatami nominandomi nuovo Responsabile Provinciale. Ringrazio il mio predecessore Enrico Fioroni per il lavoro svolto. La Lega è una squadra di donne e di uomini liberi, unita e compatta per il raggiungimento di un solo obiettivo: cambiare in meglio la nostra società, mettendo al primo posto gli interessi dei marchigiani e degli italiani”.